January 22, 2020

Print Friendly, PDF & Email

Saranno due i momenti pensati per incontrare i giovani universitari durante la MG19 e offrire loro delle occasioni di riflessione e di formazione.
Il primo appuntamento è fissato per martedì 1 ottobre 2019 dalle ore 16.00 alle ore 18.30 presso l’Aula Magna del Polo Universitario “V. Valerio” di Brindisi, Piazza Di Summa. Il tema del seminario di approfondimento per gli studenti di professioni sanitarie sarà “Ti prendi cura di me? L’etica della cura nelle professioni medico-sanitarie”. Dopo i saluti istituzionali sarà il prof. don Roberto Massaro, docente di Teologia Morale presso la Facoltà Teologica Pugliese a parlare sulla cura come paradigma dell’etica medica. Insieme a lui, due seminaristi presenteranno un’opera di Van Gogh che raffigura un caregiver particolare, il Buon Samaritano, provando a farne una lettura esperienziale.
Gli studenti saranno coinvolti in un dibattito sul tema che li vedrà protagonisti.
L’iniziativa è organizzata in stretta collaborazione con il Polo Universitario “V. Valerio” e rientra in una serie di seminari e di corsi che da molti anni l’Università presente su Brindisi dedica atemi antropologici con il chiaro intento di rendere sempre più completa la formazione degli studenti.
Il secondo momento è stato pensato per gli studenti universitari dei corsi di economia dell’Università di Bari e di ingegneria dell’Università di Lecce. Presso l’Aula Magna del dipartimento di ingegneria della Cittadella della ricerca mercoledì 2 ottobre 2019 dalle ore 15.00 alle ore 17.30 si svolgerà un seminario dal titolo “Futurogiovani? Lavoro e bene comune”. Aiutati da due professori d’eccezione – il prof. Stefano Zamagni, ordinario di Economia all’Università degli Studi di Bologna e Presidente della Pontificia Accademia per le Scienze Sociali e la prof.ssa Antonia Chiara Scardicchio, pedagogista, ricercatrice e docente presso l’Università degli Studi di Foggia – gli studenti rifletteranno su quanto la progettazione del proprio futuro incide e deve necessariamente includere anche il rapporto con il bene comune, con la società. Come si può scegliere non solo per se stessi e i propri interessi? Quali dinamiche esistenziali scattano per un giovane che vuole costruire così il proprio futuro? Nella risposta a questa domanda si cimenteranno anche due giovani seminaristi che proveranno a raccontare cosa sta significando per loro progettare il proprio futuro, anche alla luce dei loro precedenti studi matematici ed economici.
Il seminario, promosso dalla Pastorale giovanile-vocazionale diocesana, è organizzato in collaborazione con le sedi distaccate dell’Università degli studi di Lecce e dell’Università degli studi di Bari, insieme all’Ufficio di pastorale sociale e del lavoro dell’Arcidiocesi e con il Progetto Policoro.

Con preghiera di pubblicazione e diffusione-

No Comments