July 25, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Gli studenti del liceo artistico-musicale di Brindisi sono i protagonisti delle attività di alternanza scuola-lavoro, in partnership con la Fondazione Nuovo Teatro Verdi, dedicate alla fotografia di scena. Un percorso iniziato lo scorso febbraio che si concluderà con l’inaugurazione, il 22 marzo nel foyer del teatro, di una mostra fotografica degli spettacoli curata dai ragazzi.

 

Un progetto e una mostra, che sarà presentata nel foyer del Teatro Verdi di Brindisi mercoledì 22 marzo alle ore 17. In sintesi il percorso di alternanza scuola-lavoro che vede impegnati i ragazzi delle terze classi del liceo artistico-musicale «Simone-Durano» di Brindisi. Tema dell’esperienza formativa la fotografia di scena, un mondo che gli studenti hanno toccato ed esplorato con due spettacoli della stagione del Teatro Verdi. Oltre un mese di un intenso programma di lavoro, tra incontri, approfondimenti, tutorati, faccia a faccia con attori, autori e registi, lezioni in teatro e in classe, infine l’opening fotografico in sala, durante l’«Amleto» di Daniele Pecci (8 febbraio) e «Il Padre» con Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere (16 febbraio).

 

Il progetto di alternanza, un modello pensato per gli studenti del triennio delle superiori con l’obiettivo di metterli in contatto con diverse realtà lavorative, coinvolge oltre trenta ragazzi delle classi 3ª A e 3ª B nel processo fotografico, dall’acquisizione dell’immagine all’editing e post-produzione fino alla finalizzazione, con particolare attenzione a tecniche e tecnologie digitali. E non solo. La produzione delle foto di scena è finalizzata all’allestimento di una mostra che chiude il percorso formativo e vede impegnati gli stessi ragazzi in tutte le fasi organizzative, dalla scelta del titolo («Make Art») alla comunicazione, dalla progettazione grafica alla promozione, dall’ufficio stampa alla sistemazione nel foyer dei pannelli espositivi. Insomma, un processo creativo, concettuale e organizzativo a tutto tondo che mette al centro il team spirit aziendale e il protagonismo dei ragazzi, guidati dai docenti, dal fotografo Mimmo Summa, che cura da anni la fotografia nel Teatro Verdi, e dagli esperti della Fondazione. L’inaugurazione della mostra sarà preceduta dalla conferenza stampa di presentazione, in programma sempre mercoledì 22 marzo, alle ore 10.30, nel foyer del teatro.

 

«La Fondazione del Verdi ha risposto con entusiasmo alla proposta della scuola – ha detto la sindaca e presidente della Fondazione Nuovo Teatro Verdi Angela Carluccio – perché non si può accogliere diversamente un programma che punti alla contaminazione verso il mondo del lavoro, tra attività in team e laboratori intesi come fucine di innovazione. Il teatro è proprio questo: è nel teatro, per quanto forma d’arte antichissima, che nascono spesso i nuovi linguaggi e si racconta una visione del futuro. La fotografia è senz’altro una parte importante. Posso dire con soddisfazione che i ragazzi hanno partecipato con passione, a conferma dell’importanza di incentivare percorsi formativi che corrano in parallelo al classico schema didattico».

 

Il progetto permette ai ragazzi di mettere a frutto le loro conoscenze e soprattutto alla prova del pubblico i loro lavori. Hanno studiato e imparato, ascoltato e scattato in teatro, proposto e valutato insieme, scelto le foto e il materiale di stampa, disegnato la mappa della mostra e fatto esercizi di accoglienza del pubblico: insomma, come la scuola può entrare nel vivo di una iniziativa pubblica, dall’ideazione alla organizzazione. «È importante che i ragazzi imparino il metodo – ha detto il dirigente scolastico Carmen Taurino – e che si parta da qui per creare un modello replicabile. Gli studenti apprendono il linguaggio del lavoro, quello che attraverserà le loro vite fuori dalle aule scolastiche, mentre chi li accoglie può arricchirsi del loro entusiasmo e della loro creatività, della loro capacità di approccio innovativo. Se vissuta in tutte le sue potenzialità l’alternanza scuola-lavoro permette di aprire scenari interessanti nei percorsi formativi e di crescita degli studenti. Come scuola, e soprattutto come liceo, crediamo molto nel valore aggiunto delle esperienze di alternanza, nella capacità di valorizzare le competenze dello studente e di orientare le sue scelte future. Ringrazio la Fondazione del Verdi per aver condiviso questa preziosa occasione formativa».

 

 

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com