November 30, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Domani, 24 Novembre alle ore 18.30 presso le sale di Caffetteria Letteraria Nervegna in Brindisi, si terrà una tappa letteraria particolare con Davide Grittani che presenterà il suo nuovo romanzo, “La rampicante”. Davide Grittani dal 1990 al 1993 ha studiato all’accademia di Comunicazione di Milano, tra i suoi docenti anche i giornalisti Saverio Vertone e Vittorio Corona. Ha prima collaborato e poi diretto il settimanale free press Viveur (dal 1994 al 2000), successivamente ha lavorato al quotidiano La Gazzetta del Mezzogiorno (dal 2000 al 2014). Finalista al premio Città di Penne (poesia) nel 1993, 1994 e 1996, miglior esordiente al Premio Gran Giallo Città di Cattolica (narrativa) nel 1996, premio Città di Latina (narrativa) nel 1999 per il romanzo Rondò. Premio speciale Maria Grazia Cutulinel 2010.
Diverse sono le sue opere letterarie.
Una storia d’amore, tarocchi e vino), Transeuropa – Ancona, ISBN 88-7828-150-6, con postfazione di Giampaolo Rugarli.
2016 – E invece io, Biblioteca del Vascello – Robin Edizioni – Torino e Roma, ISBN 978-88-6740-873-3. Il romanzo è stato candidato al Premio Strega 2017, presentato dagli Amici della Domenica Maria Cristina Donnarumma e Roberto Pazzi.
2018 – La rampicante e in particolare , LiberAria Edizioni (collana Meduse, n. 10) – Bari, ISBN 978-88-9492-206-6. Il romanzo – che si ispira liberamente a un episodio realmente avvenuto all’inizio degli anni Novanta – affronta con coraggio il tema della donazione e del trapianto degli organi: per questa ragione alcune presentazioni del libro sono state organizzate direttamente dall’AIDO. Grittani è anche l’ideatore e il curatore della prima mostra della letteratura italiana tradotta in altre lingue denominata Written in Italy[6]: dal 2006 al 2016 questa biblioteca itinerante – attingendo direttamente dalle librerie e dai fondi di scrittori, editori, agenzie letterarie, ambasciate, istituti italiani di cultura e fondazioni.
Dialoga con l’autore Livio Romano, scrittore di Nardò.

No Comments