October 20, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Le attenzioni del consigliere regionale di Fasano, Fabiano Amati, per i nuovi grandi gruppi industriali che in un modo o nell’altro hanno interessi nella nostra città hanno raggiunto ormai livelli parossistici di stucchevolezza.

Brindisi sta provando a costruire un futuro completamente differente dal passato cui è stata costretta con scelte che hanno irrimediabilmente sacrificato naturali vocazioni, reali possibilità di sviluppo e soprattutto la salubrità dell’ambiente e quindi la salute delle persone.

Quel modello di sviluppo ha fallito, le grandi imposizioni e le presenze impattanti sono il racconto del passato e adesso, piaccia o no ad Amati, la storia che si sta costruendo è altra, diversa, finalmente e senza ripensamenti.

Ignoriamo i motivi per i quali (e nemmeno ci interessano) Amati oggi viva questa ossessione per Brindisi così come ignoriamo i motivi che spingono Amati, che pure vanta un impegno pluridecennale nelle istituzioni assolutamente anonimo rispetto alle istanze della nostra città, a non avere altre soluzioni per Brindisi se non le solite idee dal puzzo stantio di vecchio e miopi dinnanzi al futuro.

Quello che però sappiamo con certezza, e vogliamo lo sappia una volta per tutte anche Amati, è che Brindisi in questo momento, non solo ha le giuste capacità per costruirsi il suo destino ma anche tutto il diritto di farlo. Senza timore di subire interferenze, ricatti e pressioni da nessuno. Le ingerenze da piccoli potentati (anche quelli della provincia) fanno parte di quel passato che proprio perché passato, non esiste più.

 

Brindisi Bene Comune

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com