September 27, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

I Carabinieri della Stazione di San Pancrazio Salentino hanno tratto in arresto, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, Alessandro Scalinci, 36enne già agli arresti domiciliari, e Antonio Saracino, 41enne, entrambi di Guagnano (LE).

In particolare, i due, controllati nel pomeriggio di ieri sulla S.P. San Pancrazio – Torre Lapillo, a bordo di un’autovettura condotta dal Saracino e sottoposti a perquisizione, sono stati trovati in possesso di 80 grammi di marijuana, occultati sotto il sedile del conducente.
Nel medesimo contesto, Scalinci Alessandro, allo scopo di eludere il controllo, poiché sottoposto agli arresti domiciliari, si è nascosto dietro al sedile anteriore sinistro e per questo motivo è stato arrestato anche per evasione.

La perquisizione personale e domiciliare ha consentito di rinvenire 250 euro, nella tasca dei pantaloni, provento di attività illecita e vario materiale per la pesatura e il confezionamento dello stupefacente, il tutto nella disponibilità di Scalinci e sottoposti a sequestro.
Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati tradotti presso la Casa Circondariale di Brindisi.

 

A Ceglie Messapica, i Carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto in flagranza di reato un 26enne del luogo, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i militari operanti impegnati nell’ambito di un servizio preventivo finalizzato al controllo delle prescrizioni contenute nei decreti governativi riguardanti le misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19, in una via del centro abitato, hanno fermato il giovane alla guida della sua autovettura e lo stesso ha tentato invano di liberarsi di 5 dosi di cocaina per un peso complessivo di 2 grammi, gettandole dal finestrino. Le successive perquisizioni hanno inoltre consentito di rinvenire dietro il sedile del passeggero dell’auto e nella tasca dei pantaloni indossati, altri 2,20 grammi di marijuana e la somma contante di 250 euro in banconote di vario taglio.

Lo stupefacente e il denaro sono stati sottoposti a sequestro.

L’arrestato, sanzionato anche per la violazione dei citati decreti governativi per complessivi 1.066,66 euro, a conclusione delle formalità di rito, è stato rimesso in libertà come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

No Comments