April 15, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Si è tenuta nella mattinata di domenica 7 febbraio u.s., con la nutrita partecipazione delle guardie ecologiche volontarie dell’associazione Ecoklub International, – guidate dal Presidente Dino Carlucci e dal Direttore tecnico Angelo Pomes , – e con i Gruppi di Ricerca Ecologica, autori di memorabili battaglie contro l’’insediamento delle centrali a carbone negli anni’ 80, l’annuale manifestazione che l’associazione Fare Verde tiene ormai da 29 anni sul litorale di tutta Italia, dal Tirreno all’Adriatico.
In particolare, sulla costa brindisina in prossimità del Castello Alfonsino o “forte a mare “, i volontari delle tre associazioni, coadiuvati da alcuni cittadini presentatisi spontaneamente per dare una mano, e con la gradita presenza di Cesare Mevoli, già Assessore all’ambiente del Comune di Brindisi, da sempre sostenitore dell’iniziativa sin dagli albori della stessa, hanno raccolto ben 25 sacconi di rifiuti, oltre a numerose boe, bidoni, pezzi di reti da pesca, cordame, e tantissimo legno giunto in mare quasi certamente riversato dai fiumi che ivi sboccano.
Sicuramente più di 400 chilogrammi di rifiuti, di cui la stragrande maggioranza composta da plastica di tutti i tipi e forme, che è stata raccolta e che, tramite i mezzi della ditta Enotecnica, che ha aderito all’iniziativa, sono stati eliminati dal litorale e inviati a smaltimento.
Ovviamente, non è compito del volontariato sostituirsi alle carenze delle amministrazioni pubbliche e delle aziende di raccolta, e farsi carico delle pulizie di litorali, spazi verdi e aree comuni: il nostro compito è quello di sensibilizzare e lanciare messaggi positivi ed allo stesso tempo facilmente comprensibili dai cittadini, in maniera tale da poter intervenire positivamente sull’ecosistema, nel rispetto degli abitanti del pianeta, presenti, e soprattutto futuri!
La stragrande maggioranza di quei rifiuti non è stata lasciata in spiaggia, ma è arrivata dal mare con la risacca o nelle giornate di forte vento: tante navi, purtroppo, dalle mercantili alle passeggeri, anziché scaricare-pagando- i rifiuti in porto, preferiscono disfarsi di parte del carico in mare, al largo, come se questo potesse far scomparire i rifiuti nel nulla.
Purtroppo non è così, ed i rifiuti gettati in mare, come un boomerang ritornano da noi, e siccome siamo dei lanciatori inesperti, il boomerang puntualmente ci colpisce sul naso, facendoci del male.
Le spiagge si sporcano, sia in inverno che in estate, la plastica fine si deteriora, e viene mangiata dai pesci, di cui ci cibiamo, entrando nel circuito alimentare ed aumentando i casi di cancro, le buste vengono mangiare dalle tartarughe, che le scambiano per meduse e se ne cibano finendo soffocate sino a morirne.
Ecco che, di rifiuti, si muore.
La soluzione deve darla la politica, con leggi più severe e regole certe sullo smaltimento, ma anche e soprattutto invitando, sino ad obbligarle, le aziende, a ridurre la produzione di materiali usa e getta, e sopratutto evitando il packaging: a quanti sarà capitato di comprare un piccolo elettrodomestico, e aver dovuto gettare via scartandolo l’involucro, il contenitore, buste e bustine, polistirolo, ecc.. Tutte cose che paghiamo 2 volte, la prima volta alla cassa, (perché ovviamente il produttore ne aggiunge il costo a quello reale dell’elettrodomestico), ed una seconda volta, appena arrivati a casa, sotto forma di tassa per i rifiuti, per pagare il Comune che a sua volta paga una ditta affinché ritiri il nostro rifiuto per andarlo a smaltire, in discarica o presso gli impianti di trattamento.

Quindi, ci sentiamo di urlare : Meno rifiuti, meno tasse, meno inquinamento, più risparmio, più salubrità dell’ambiente!
Sono allo studio ulteriori iniziative di sensibilizzazione sul problema rifiuti, che come le cronache giudiziarie di tutti i giorni insegnano, può tranquillamente essere definito “LA MADRE DI TUTTI I PROBLEMI” !!!!!

No Comments