April 19, 2024

Brundisium.net

 

Ottavo appuntamento con la rassegna letteraria “ilSegnalibro – punto di lettura” Estate 2016, organizzata da La Feltrinelli point Brindisi con il patrocinio del Comune di Brindisi.

libro carneficiDomani, venerdì 29 luglio, alle ore 21.00, presso il Giardino dell’ex Convento Santa Chiara di Brindisi, in via Santa Chiara nei pressi di Piazza Duomo, Pino Aprile presenta il suo nuovo libro “Carnefici” edito da Piemme. A dialogare con l’autore la giornalista Tea Sisto.
“Io so. So tutti i nomi e so tutti i fatti di cui si sono resi colpevoli. Io so. Ma non ho le prove”. È il cuore di un celeberrimo atto d’accusa di Pier Paolo Pasolini pubblicato sul “Corriere della Sera”. Anche Pino Aprile sa. Sa tutto quello che è stato fatto perché gli italiani del Sud diventassero “meridionali”. Lo ha appreso con stupore e sgomento, e lo ha raccontato in un libro spartiacque, “Terroni”, che ha aperto una breccia irreparabile sulla facciata del trionfalismo nazionalistico. Se mancavano ancora prove, ora le ha trovate tutte, al termine di un’incalzante e drammatica ricerca durata cinque anni. E sono le prove di un genocidio. Perché è questo l’ordine di grandezza che emerge dall’incrocio dei risultati dei censimenti disposti dai Savoia (nel 1861 e nel 1871) e dei dati delle anagrafi borboniche: un genocidio. Centinaia di migliaia di persone scomparse è la cifra della strage di italiani del Sud compiuta per unificare l’Italia. Si scopre, così, di come venivano rasi al suolo paesi interi, saccheggiate le case, bruciati vivi i superstiti. Si apprende come avvenivano i rastrellamenti degli abitanti di interi villaggi, e li si sottoponeva a marce forzate di decine di chilometri, e a torture. Ci si imbatte in fucilazioni a tappeto di centinaia di persone. L’Italia “liberata” è stata nella realtà dei fatti un immenso Arcipelago Gulag, di cui ora si può ricostruire la mappa e l’organizzazione: deportazioni, campi di concentramento, epidemie.
pino aprile
Nel corso della serata sarà possibile visitare la mostra “Uliando uliando” di Carlo Toma. Dedicato all’ulivo e alla sua cura, offre una sintesi artistica che, partendo dall’ulivo secolare, capolavoro della natura, declina varie intuizioni percettive fondate su uno sguardo che va oltre ciò che appare su un tronco.

La rassegna letteraria “ilSegnalibro-punto di lettura” Estate 2016 è realizzata in collaborazione con: Aeroporti di Puglia, Rotary Club Brindisi, Titi Shipping, Viaggi Fazzina, Divani&Divani by Natuzzi, Grande Albergo Internazionale, Ristorante Iaccato e Susumaniello Vineria.

C.S.

No Comments