October 27, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Solo chi conosce a fondo il posto in cui vive può amarlo… E’ quello che hanno fatto per diversi decenni Giancarlo Cafiero, storico personaggio della cultura brindisina e Galiano Lombardi, artista e pittore, nell’antico locale di Via Giovanni Tarantini, nel cuore del centro storico cittadino.

Dopo quasi 39 anni di storia, chiude “La Valigia delle Indie”, meta obbligata per antiquari e appassionati di arte e cultura locale. Dall’amore per la propria città venne recuperato anche il nome da dare alla nuova attività.

Nata nel 1982, la Valigia delle Indie prese il nome dal servizio di trasporto viaggiatori della Compagnia britannica P&O che dal 1870 al 1914 collegò l’Europa all’Oriente, in cui Brindisi recitò un ruolo determinante in quel tratto di mare, per la sua invidiabile posizione geografica.

Sin dai primi anni ’80, Giancarlo Cafiero e Galiano Lombardi decisero di impegnarsi sul territorio su qualcosa che potesse essere utile alla collettività. Una forma di riscatto e impegno per una comunità poco attenta alle sue origini e alla propria storia.

La Valigia delle Indie ha illustrato curiosità, ricerca e rispetto. Custode della vitalità e della tradizione locale, ha intercettato libri antichi, carte geografiche, mappe, documenti del ‘500 e del ‘600, successivamente passati agli enti più preposti come la Biblioteca De Leo e l’Archivio di Stato.

Sono state organizzate alcune mostre, accompagnate da racconti e storie anche in un gustoso vernacolo, di immagini d’epoca della città, attraverso l’archivio di circa 3500 cartoline d’epoca, recuperate durante gli anni di attività. Un patrimonio che va dal 1800 agli anni ’50.

I più importanti riconoscimenti sono avvenuti dagli amatori che hanno apprezzato questa grande ricerca storica e patrimonio non solo locale, attraverso una clientela eterogenea formata da turisti italiani e stranieri, e da tutti quei cittadini che nutrivano un profondo interesse per la cultura e l’arte.

La Valigia delle Indie era un passaggio obbligato, ricco di cimeli e informazione, per chi voleva conoscere la storia di un territorio radicato, antichissimo, crocevia di culture e genti.

Ci auguriamo che questo archivio storico ricco di ritratti della città di Brindisi, possa essere ancora ammirato e messo a disposizione, anche sotto l’aspetto commerciale, per far rivivere con passione una brindisinità vera, autentica, orgogliosa.

 

MARCO GRECO

No Comments