September 27, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Pochi giorni fa il Fondo Ambiente Italiano ha pubblicato la classifica definitiva dei risultati del 9° censimento dei “Luoghi del Cuore”, il progetto nazionale con cadenza biennale attraverso cui le comunità locali e le associazioni possono candidare un luogo particolarmente urgente di attenzioni e tutela.

E’ importante sottolineare che la Puglia si conferma la prima regione in Italia per numero di segnalazioni con quasi 300.000 voti su oltre 2 milioni e 200 mila voti totali, distribuiti su oltre 37.000 beni in tutta Italia.

 

Nei primi 100 posti in classifica si trovano 17 luoghi della Puglia e il primo posto in Puglia è del Castello Aragonese di Taranto che ha ricevuto oltre 23.000 voti, raggiungendo il 10 posto nella classifica nazionale. Per quanto riguarda la provincia di Brindisi, c’è da registrare l’aumento di interesse verso il censimento dei “Luoghi del Cuore”, attestato dalle numerose richieste di informazioni giunte alla Delegazione di Brindisi del FAI, e soprattutto c’è da celebrare il risultato straordinario ottenuto dall’ex Convento dei Frati Domenicani di Mesagne con 7.018 voti, raccolti in poco meno di 2 mesi grazie all’iniziativa di uno studente liceale, Edoardo Devicienti, che è riuscito a coinvolgere l’intera città con entusiasmo e grande impegno per portare un bene mesagnese al 58° posto in classifica nazionale.

 

Il secondo luogo più votato è il Castello Alfonsino di Brindisi, candidato in molte edizioni del censimento, che ha raccolto 4.970 voti per la posizione numero 84 nella classifica nazionale. Una conferma dell’antico affetto dei brindisini per uno dei simboli dell’identità collettiva.

Il terzo luogo è il Castello del Porto Turistico di Villanova di Ostuni, destinatario di 3.649 voti. Anche in questo caso, una iniziativa promossa e condotta in pochi mesi da un comitato spontaneo, il cui referente, Domenico Pecere, ha dichiarato la propria soddisfazione: “Un ottimo risultato per il Castello di Villanova di Ostuni, ottenuto grazie alla partecipazione della cittadinanza, delle associazioni, delle scuole e con il supporto del Comune di Ostuni. Siamo pronti per presentare un progetto di valorizzazione che restituisca il giusto valore ed immagine ad un bene storico, simbolico della città di Ostuni”.

 

Positivo il commento del capo Delegazione di Brindisi del Fondo Ambiente Italiano, Beniamino Attoma Pepe: “I risultati sono importanti e in crescita e siamo molto contenti quando le comunità e le associazioni ci contattano per ricevere informazioni in merito al censimento. Vivere con i comitati l’esperienza di mobilitazione per un luogo fino alla pubblicazione dei risultati è molto gratificante. I  risultato di Mesagne è stato straordinario per i numeri e la capacità di coinvolgimento del giovane Edoardo. Ora si apre la seconda fase, il momento della progettazione e dell’impegno degli enti pubblici e noi siamo pronti a fornire il nostro contributo, a sostegno dei “luoghi del cuore” che hanno raggiunto questi risultati.”

No Comments