July 15, 2024

Brundisium.net

La Giunta Comunale di Brindisi ha deliberato l’alienazione dell’impianto sportivo natatorio situato in via Ligabue.
La decisione, che si colloca all’interno di un quadro più ampio di strategie di bilancio e gestione del patrimonio immobiliare municipale, è stata assunta all’unanimità dei presenti. Mancavano all’appello l’Assessore allo Sport Lidia Penta e quello ai Lavori Pubblici ed Impiantistica Sportiva, Gianluca Quarta.

Il percorso decisionale ha origine dalla Delibera del Consiglio Comunale n. 124 del 22 dicembre 2023, che ha approvato l’aggiornamento del Piano delle alienazioni e valorizzazioni immobiliari per il triennio 2024-2026. Nel quadro dell’esigenza di fare cassa, l’impianto sportivo natatorio di via Ligabue è stato incluso tra degli immobili non strumentali da alienare.

Tuttavia, considerate le necessità di manutenzione dell’impianto per garantirne il mantenimento in funzione della vasca, il Settore LLPP dell’ente ha richiesto l’avvio di interventi per prevenire il depauperamento delle strutture. Il dirigente del settore, architetto Fabio Stefano Lacinio ha, quindi, avanzato la richiesta di definire una nuova procedura per la gestione dell’impianto o un nuovo bando per la sua alienazione, al fine di evitare ulteriori interventi straordinari di esercizio.

Riscontrato che le precedenti procedure di alienazione e gestione dell’impianto, sia attraverso gare pubbliche che procedure di evidenza pubblica, sono risultate infruttuose, la Giunta ha deciso di far ricorso all’art. 21 del vigente Regolamento per la gestione, valorizzazione e alienazione dei beni immobili comunali, che consente al Dirigente dell’Ufficio Patrimonio di avviare una nuova procedura senza determinazione della base d’asta, valutando le offerte pervenute in base alla loro congruità.

La Giunta Comunale ha dunque preso atto di questa situazione e ha deciso di formulare un apposito indirizzo al dirigente dei settori Gestione Patrimonio Immobiliare e Contratti e Appalti.

No Comments