February 25, 2024

Brundisium.net

Si è tenuta stamani, presso la sala Gino Strada di Palazzo Nervegna, la conferenza stampa di presentazione della Coppa del Mediterraneo di scherma U23, in programma il 21 e 22 ottobre al PalaPentassuglia.
A fare gli onori di casa, il sindaco di Brindisi, Giuseppe Marchionna, che ha sottolineato come «questa manifestazione, di livello internazionale, rappresenti il passato, il presente e il futuro di questa città, che vede nel Mediterraneo il proprio destino. Un evento che costituisce una straordinaria vetrina per consentire a vari Paesi di conoscere il nostro territorio».

A Brindisi è presente anche il presidente della Confederazione del Mediterraneo di scherma, Ziad El Choueiri, il quale ha rimarcato per l’appunto la strategicità di Brindisi, «città con una ricca storia, con una tradizione di accoglienza, che ha avuto un ruolo fondamentale come collegamento tra i Paesi del bacino del Mediterraneo e negli scambi culturali, grazie alla sua posizione strategica sul mare». Caratteristiche che bene si coniugano con una manifestazione che «non riguarda solo le abilità tecniche e atletiche ma che simboleggia una celebrazione delle culture e delle diversità».

Vincenzo De Bartolomeo, vicepresidente della Confederazione del Mediterraneo e della Federazione Italiana Scherma, ha posto l’accento sull’importanza di questo evento, che «rappresenta per la Confederazione del Mediterraneo, e di conseguenza per la Fis che lo ospita, un appuntamento di cartello. La categoria Under 23, a cui è riservata la competizione, ha un significato cruciale per il movimento schermistico internazionale, perché valorizza talenti appena usciti dal circuito giovanile e in molti casi già protagonisti tra gli Assoluti. Mi piace ricordare, a voler citare un esempio soltanto, la presenza – ha proseguito – nella prima edizione della Coppa del Mediterraneo svolta a Carrara del fiorettista Filippo Macchi, che nella stagione seguente, quella scorsa, si è laureato campione europeo assoluto conquistandosi un posto da titolare nella squadra azzurra. Oltre all’elevato significato tecnico, c’è un dato organizzativo che ci rende orgogliosi: Brindisi ha curato questa kermesse nei minimi dettagli, con un lavoro che parte da lontano, coinvolgendo la scuola su impulso della società Lame Azzurre, e poi l’intero territorio con le sue istituzioni. Ed è bello che, grazie al Comitato organizzatore, sia stato possibile anche promuovere uno stage di spada rivolto ai Paesi della Confederazione. Siamo certi – ha concluso – che ancora una volta offriremo un evento all’altezza della grande tradizione italiana».

Spazio poi ai componenti del Comitato organizzatore, a partire dal presidente Pierangelo Argentieri: «Brindisi si riempie dei colori del Mediterraneo. Questa manifestazione è una grande opportunità perché mette insieme lo sport e le associazioni datoriali che rappresentano le aziende del territorio. Pubblico e privato hanno lavorato in sinergia per la riuscita di un evento che vuole essere l’inizio di un percorso di valorizzazione territoriale che, tramite lo sport, deve promuovere il capoluogo in particolare».
In ottica futura, la città si pone come punto di riferimento per i più prestigiosi appuntamenti in calendario nella scherma. Una scommessa che per Alessandro Rubino, presidente della società Lame Azzurre Maestri Zumbo, Brindisi è pronta a giocare e vincere: «Circa un anno fa ci siamo lasciati con la promessa che avremmo fatto di Brindisi la capitale della scherma del Mediterraneo. Oggi ci ritroviamo per dire che l’obiettivo è stato raggiunto. Sono contento, perché portare per la prima volta a Brindisi una manifestazione internazionale di scherma rappresenta un motivo di orgoglio. Oltre all’aspetto sportivo, questo evento offre una grande opportunità in termini di immagine al nostro territorio. Questo appuntamento è solo un punto di partenza. Sono fiducioso del fatto che Brindisi rappresenterà un punto di riferimento per la Federazione per i grandi appuntamenti futuri».
Un ruolo attivo lo ha avuto anche il mondo scolastico. Sul punto, la dirigente scolastica dell’Ic Commenda, Patrizia Carra, ha dichiarato: «Solo due anni fa nasceva un Protocollo d’Intesa sottoscritto dall’Ic Commenda, dalla Federazione Italiana Scherma e dal Comune di Brindisi. L’obiettivo principale era la promozione del territorio attraverso la pratica della scherma. Dopo nemmeno due anni, quegli intenti si sono concretizzati in una grande manifestazione che rappresenta un prestigioso traguardo per la città e per i promotori. La nostra scuola, in questi anni, sta portando avanti un articolato progetto di apertura alle pratiche sportive. Lo sport, infatti, rappresenta un alleato formidabile nell’ottica di una educazione di qualità. La nostra scuola è stata protagonista attiva nella realizzazione di questo grande evento».
A porre l’accento sui ritorni economici per il territorio è stata poi Anna Rita Montanaro, presidente di Confcommercio Brindisi: «Abbiamo accolto con piacere e onore la collaborazione che ci ha portato ad essere parte del Comitato organizzatore della manifestazione. È una grande opportunità anche per le strutture ricettive e le attività commerciali, che grazie alla presenza di 12 nazioni e di tantissimi atleti di fama internazionale, beneficeranno di un movimento importante per le vie della città. Essere presenti ha voluto significare dire di sì alla grande voglia di dare a Brindisi una veste positiva e qualificante».

La giornata prosegue con la cerimonia di apertura della Coppa del Mediterraneo, in programma alle ore 18:30 presso la scalinata virgiliana. La serata sarà condotta da Antonio Celeste.

Domani, dalle ore 9, prenderanno il via le gare. Il programma della prima giornata prevede la spada maschile e le due prove femminili di fioretto e sciabola. Specialità invertite domenica, quando saranno in pedana spadiste, fiorettisti e sciabolatori.
In tutti e due i giorni, le fasi finali della Coppa del Mediterraneo Under 23 saranno trasmesse in diretta streaming, dal PalaPentassuglia, sulla pagina Youtube ufficiale della Federazione Italiana Scherma e sul sito internet www.mediterraneanfencingcup.com.

Si ringraziano, infine, i partner commerciali della manifestazione: McDonald’s Brindisi, Cantine Risveglio Agricolo, Tenute Lu Spada, Tenute Rubino, Rialbus, Creazioni Web, Somma4, Apani Beach, Snim, Puglia Walking Art, Welcome Villaggi, Clipper Cafè, Its Logistica Puglia, Dadario Ristorante, La Locanda delle Giare, Ottica Cuppone, Betty Cafè e il media partner Ciccio Riccio.

Ufficio Comunicazione e Stampa
Coppa del Mediterraneo di Scherma U23 – Brindisi 2023

No Comments