June 25, 2024

Brundisium.net

Di seguito riportiamo integralmente una lettera aperta inviata da Roberto Quarta, Consigliere comunale gruppo FdI Brindisi
all’assessore ai Lavori Pubblici, Gianluca Quarta ed all’Assessore all’Urbanistica con delega al Traffico Massimiliano Oggiano.

 

Oggetto: Interventi urgenti di ripristino decoro urbano e rimozione barriere architettoniche sulla piazza Santa Teresa

Egregi Assessori,

la presente per segnalare la situazione di degrado e di ulteriori aspetti suscettibili di verifica di legittimità in attinenza a una delle piazze più importanti della città, segnatamente la storica piazza Santa Teresa.

Nella stessa piazza insiste uno dei simboli più iconici della nostra città, il Monumento dedicato ai circa 500 caduti sui campi di battaglia della Prima guerra mondiale, commissionato dall’Amministrazione comunale al nostro concittadino, scultore già affermato, Edgardo Simone, nel 1926.

Lo stesso monumento è stato oggetto di restauro grazie al risultato di sinergie e di collaborazioni che hanno visto insieme pubblico e privato tra la precedente Amministrazione comunale, che ha sollecitato l’intervento conservativo, e l’azienda Chemgas Srl che lo ha sostenuto economicamente, riconsegnando l’opera alla comunità, non solo nella sua pulitura e nel perfezionamento filologico del richiamo alla storia, ma anche con una potenziata illuminazione.
A pochi anni di distanza la realtà è sotto gli occhi di tutti: illuminazione inesistente, interventi di pulizia e decoro saltuari, abbandono totale, incuria dominante.

Ma, al di là del complesso monumentale, la stessa piazza è in preda al degrado più assoluto: la scarsa illuminazione (mai sostituita) è ostruita dalla vegetazione, il basolato versa in condizioni di sporcizia e sudiciume nonostante i vari interventi di Ecotecnica, le aiuole riboccano di deiezioni canine, le sedute in marmo risultano inaccessibili per sozzume e cattivo odore.

La piazza è sconsideratamente privata dell’affaccio su uno dei più affascinanti belvedere a causa degli stalli per la sosta delle auto e di una chiusura imposta da un condominio che non consente a cittadini e visitatori di godere di un paesaggio esclusivo e prezioso.

Per le ragioni suesposte, invito uffici e settori di competenza a valutare la opportunità della presenza degli stalli a ridosso del balcone di affaccio sul lungomare, oltre che la legittimità del confinamento della via Santa Teresa, lungo le mura medievali del nostro porto interno.

Alla luce degli argomenti addotti, sia pure concisamente, sono a sollecitare da parte della Civica amministrazione un’attenzione più puntuale sulla piazza Santa Teresa, sulla qualità della fruibilità del luogo intesa come sistematicità degli interventi di pulizia, decoro, cura, manutenzione e sicurezza. Certo che saprete condividere la necessità di meglio tutelare e valorizzare la piazza, tra i luoghi che integrano il patrimonio storico e identitario della città, resto a disposizione per ogni esigenza e iniziativa che si riterrà di mettere in atto.

Roberto Quarta
Consigliere comunale gruppo FdI Brindisi

No Comments