February 27, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

La sezione provinciale della Confesercenti offre assistenza legale ai titolari di attività produttive e commerciali vittime dei disagi provocati da sbalzi di tensione e interruzioni temporanee nella fornitura di energica elettrica, che si verificano nel territorio di Ostuni. Un problema sollevato più volte nel corso degli anni e segnalato a E-distribuzione, azienda di Enel che gestisce la rete elettrica italiana di media e bassa tensione, che torna a gravare sull’andamento economico e produttivo di tante aziende ostunesi.

 

Nei giorni scorsi a lamentare il continuo verificarsi di questo tipo di disservizio, sono stati gli imprenditori della zona industriale, legittimamente preoccupati da eventuali guasti a impianti elettrici ed elettronici, che si aggiungono a un immancabile rallentamento della produzione. Nel settore del commercio la situazione non è migliore. Gli stessi disagi si verificano, infatti, anche nella centralissima viale Pola, dove titolari e gestori degli esercizi commerciali subiscono da tempo disservizi identici.

 

«Le micro interruzioni lamentate dagli imprenditori della zona industriale – spiega Michele Piccirillo, responsabile della Confesercenti di Ostuni e presidente facente funzioni della Confesercenti di Brindisi– riguardano in realtà anche la zona commerciale di viale Pola e più in generale tutto il territorio ostunese. La Confesercenti provinciale intende farsi carico di questi disagi e mette a disposizione delle aziende colpite i propri uffici legali e le competenze dei delegati della nostra struttura.

 

I danni provocati dalla discontinuità del servizio di fornitura di energia elettrica sono diversi e di varie proporzioni. Interruzioni temporanee e sbalzi di tensione si riscontrano generalmente a metà mattinata e rappresentano un pericolo non solo per computer, macchinari e attrezzature, ma anche per gli impianti di illuminazione, di cui vengono danneggiati i trasformatori. Qualcuno ha potuto fare fronte ai rischi, dotando i computer e le macchine principali di gruppi di continuità, ma non tutti si possono permettere soluzioni del genere, che comportano spese non di poco conto. Inoltre, non tutti i dispositivi possono esserne dotati. Il funzionamento di modem, telefoni, registratori di cassa, misuratori fiscali, pos e impianti d’illuminazione, infatti, dipendono esclusivamente dalla linea elettrica. Perciò – continua il presidente Piccirillo – in un momento di grande complessità per le nostre attività produttive e commerciali, la Confesercenti di Brindisi ritiene fondamentale garantire un’adeguata assistenza legale alle aziende associate e non solo.

 

L’invito è rivolto a tutti. Qualora i danni dovessero riguardare un numero considerevole di imprese – conclude Michele Piccirillo – si valuterà l’ipotesi di procedere con un class action. Se invece i danni sono attribuibili solo a qualche realtà, forniremo supporto legale nei singoli procedimenti».

 

Per mettersi in contatto con la sede provinciale di Confesercenti è possibile scrivere al seguente indirizzo mail presidente.confesercenti@gmail.com, o confesercenti.ostuni@gmail.com oppure chiamare al numero 0831.523190

 

COMUNICATO STAMPA CONFESERCENTI

No Comments