September 25, 2021

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Intervento dei Carabinieri Forestali della Stazione di Ostuni, unitamente alla Polizia Locale della “Città Bianca”, che, in un controllo coordinato sulle attività edilizie nelle zone rurali e nelle aree naturali protette, hanno rinvenuto, in contrada Difesa di Malta, all’ interno del Parco Regionale delle Dune Costiere, i segni di un’ attività di scavo in terreni agricoli.

Da un più attento esame, si è evidenziato che era stato allestito un vero e proprio cantiere edile, con accatastamento dei materiali da utilizzare per una nuova costruzione: mattoni forati, blocchetti di cemento, travi in legno e sabbia per calcestruzzo. Oltre a ciò, sugli stessi terreni è stato riscontrato un deposito incontrollato di rifiuti, per lo più provenienti da scarti di lavorazioni edili.

I Militari e la Polizia Locale hanno accertato che per il cantiere non era stata presentata alcuna istanza di permesso, e quindi hanno sottoposto a sequestro penale preventivo tutta l’ area occupata dallo stesso, nonché dai cumuli di rifiuti, per una superficie complessiva di circa 8.300 metri quadri.

I terreni sono intestati a più eredi comproprietari, ai quali sono stati contestati i reati di intervento edilizio in assenza del prescritto permesso di costruire, in area sottoposta a tutela, di cuiall’ art. 44, comma 1, lett. c) del Decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 2001 (Testo Unico dell’ Edilizia e dell’ Urbanistica) e dell’ art. 181, comma 1, del Decreto legislativo n. 42 del 2004 (Codice dei Beni culturali e del paesaggio).

Per quanto riguarda la gestione illecita di rifiuti, invece, agli stessi proprietari è stato contestato il reato di cui all’ art. 256, comma 1, del Decreto legislativo n. 152 del 2006 (Testo Unico Ambientale).

Per i proprietari, nelle more di ulteriori accertamenti, è scattato il deferimento alla Procura della Repubblica di Brindisi.

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com