April 13, 2024

Brundisium.net

I tifosi del Brindisi FC non ci stanno ed hanno deciso di uscire allo scoperto e far sentire la propria voce. Nelle scorse ore, infatti, sono stati appesi per le vie della città tre striscioni di protesta contro la squadra, la società e il tecnico.

Il primo striscione recita: “Se davvero come dite amate la piazza è giunta l’ora di fare chiarezza”. Con queste parole, i tifosi chiedono alla società di dare spiegazioni su quanto sta accadendo in questa stagione, che ha visto i biancazzurri sprofondare in fondo alla classifica del campionato di Serie C, con appena 10 punti in 15 partite.

 

Il secondo striscione è ancora più duro: “Le sconfitte si accettano, le umiliazioni no, squadra, mister e società fuori i coglioni”. In questo caso, i tifosi non si limitano a chiedere chiarezza, ma chiedono a gran voce maggiore impegno.

 

Il terzo striscione, infine, è un po’ più conciliante: “Vi saremo sempre grati per la passata stagione ma per queste figuracce non c’è giustificazione”. I tifosi, infatti, riconoscono il lavoro svolto dalla società e dalla squadra nella passata stagione, quando il Brindisi ha conquistato la promozione in Serie C, ma non possono accettare le prestazioni di questa stagione.

Questi striscioni di protesta sono un chiaro segnale di malcontento da parte della tifoseria a 72 ore dall’importante derby contro la Virtus Francavilla.

La società e la squadra dovranno dare delle risposte anche perchè appare oramai necessario puntellare e consolidare il progetto per rispondere alle aspettative. Il tutto per evitare di minare la stabilità della squadra in vista della seconda parte della stagione. e salvare la LegaPro.

La pazienza dei tifosi è finita. “Siamo stanchi di questa situazione – ha dichiarato un tifoso sui social -. La squadra sta giocando malissimo e la società non sta facendo nulla per migliorare le cose. Siamo stati pazienti finora, ma ora è arrivato il momento di dire basta. Chiediamo chiarezza e, se necessario, l’esonero del tecnico e grossi cambiamenti nella rosa della prima squadra”.

No Comments