May 19, 2024

Brundisium.net

Una tragica storia si è consumata nella serata di domenica 24 settembre a Brindisi. Un anziano di 82 anni, (T.T. le sue iniziali), ha perso la vita in un incidente stradale. L’uomo è stato investito da un’auto che è poi fuggita dalla scena dell’incidente.

E’ accaduto intorno alle 19.00 in via Palmiro Togliatti, nei pressi del Tribunale, in direzione del centro della città. L’anziano stava dirigendosi verso la vicina fermata dell’autobus, come dimostrava il biglietto che aveva in mano. Il corpo della vittima è stato trovato a pochi metri dalle strisce pedonali, ma al momento non è chiaro se l’investimento sia avvenuto proprio su queste strisce.

Un giovane presente sulla scena ha prontamente tentato di soccorrere l’anziano, applicando le manovre di primo soccorso. Nonostante i suoi sforzi, pero, il decesso della vittima è sopraggiunto quasi immediatamente dopo l’incidente a causa della violenta lesione alla testa provocata dall’impatto con l’asfalto.

I soccorritori del 118, giunti immediatamente sul posto, come gli agenti della Polizia locale e una pattuglia della Sezione volanti della Questura di Brindisi, non hanno potuto fare altro che constatare il decesso dell’anziano.

Le indagini sono ora incentrate sulla ricerca dell’automobilista pirata che ha causato questo tragico incidente. La fuga dell’autista ha scatenato una caccia all’uomo da parte delle autorità locali, che stanno cercando di identificare il veicolo coinvolto e l’identità del conducente.

Più volte è stata denunciata la pericolosità di Via Togliatti, un’arteria che è spesso percorsa a velocità consistente soprattutto dalle auto che provengono dalla superstrada Taranto-Brindisi. Su quella via la sicurezza stradale è diventata una preoccupazione urgente, e le autorità devono trovare una soluzione per garantire che un evento simile non si ripeta in futuro.

Nel frattempo, la città è costretta a piangere la perdita di un uomo anziano che stava semplicemente cercando di raggiungere la sua destinazione in una tranquilla serata domenicale.

No Comments