November 30, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

“Ho informato personalmente questa mattina il ministro Patuanelli di quanto sta accadendo a Brindisi, con il sindaco che ha deciso di ordinare la chiusura temporanea della produzione di Eni-Versalis. Al netto di ciò che viene raccontato nel territorio, ho ritenuto di dover mettere a conoscenza il ministro della situazione, chiedendo, insieme al collega Paolo Barelli, l’informativa su Eni-Versalis Brindisi in Commissione Attività Produttive. Ho riferito delle preoccupazioni per i lavoratori e per l’economia del territorio, ma anche per la questione ambientale, sulla quale è evidente che sia necessaria un’analisi scollegata da pregiudizi. L’ordinanza di chiusura del sindaco di Brindisi è una decisione monocratica che ha un forte impatto sull’economia del territorio e del Paese, che è affidata all’analisi dei dati elaborata dagli esperti. Oggi mi interessava investire ufficialmente il ministro dello Sviluppo Economico, che ringrazio per la disponibilità a collaborare che ha manifestato, affinché ci sia una regia nazionale che si occupi del nodo della produzione, della salvaguardia dei posti di lavoro e della tutela della salute. L’esclusione di Brindisi dal programma pilota del “Just Transition Fund” l’ho posta un mese fa, insieme al collega europarlamentare Caroppo, e sono stato attaccato proprio da qualcuno della città che ha derubricato le mie preoccupazioni alla solita polemica spicciola di provincia. Non so con chi abbia parlato il sindaco Rossi, ma da ora posso assicurargli di aver messo al corrente il ministro di quanto sta succedendo”.

 

Nota del commissario regionale di Forza Italia, l’on Mauro D’Attis.

No Comments