October 20, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Blues explosionVenerdi 23 Gennaio ritorna “The Blues Explosion”, la rassegna organizzata dal Festival Blues Città di Brindisi. “The Blues Explosion” è uno degli eventi di maggior rilievo organizzati in Puglia negli ultimi tempi.

Una rassegna densa di cinque appuntamenti dove sono previste le esibizioni di alcuni tra i più bei nomi dell’attuale scena blues pugliese.

Da scena di culto, il blues della nostra regione sta assumendo proporzioni e consensi considerevoli, coinvolgendo non solo i vecchi amanti del genere, ma anche le giovani generazioni.

Un motivo in più per assistere a questo nuovo evento, impregnato di tanta qualità nei suoni e nei suoi interpreti.

 

Via del BluesPer il 2° appuntamento con la “musica del diavolo”, sul palco dello “0831 Advertising Space” si esibirà la “Via del Blues”.

Raccontare 40 anni di storia non è semplice, soprattutto quando è così intensa e fatta di momenti importanti, dove qualsiasi sfumatura ha il suo valore.

Pennellate di note, accenni di emozioni e sensazioni profonde. La “Via del Blues” affascina per la sua completezza nei suoni.

Esperienza, classe e feeling, passione autentica per il blues e palpitante energia, rendono i live della “Via” assolutamente consigliati.

Il sacro fuoco della passione non ha mai abbandonato la band in questi lunghi 40 anni di musica.

 

Locandina la via del bluesL’intento della rassegna “The Blues Explosion” è quello di promuovere il blues e la musica di qualità presente sul nostro territorio anche attraverso la conoscenza, la storia, i racconti, le curiosità, i dischi e le collaborazioni.

Per fare questo, alla fine di ogni esibizione ci sarà un incontro fra i musicisti ed il pubblico con alcune interviste sul palco che saranno curate dai conduttori di Radiazioni Cult – Ciccio Riccio.

 

L’ingresso allo “0831” è libero.

L’inizio dei concerti è alle ore 21.30, un orario “normale”, comodo e accessibile per chi ha voglia di vedere e ascoltare un concerto dai tocchi venati di blues.

 

MARCO GRECO

No Comments