December 9, 2022

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

È stata presentata oggi nella Sala di rappresentanza di Palazzo di Città, in conferenza stampa, la 44^ edizione della “Mostra dell’Artigianato Fasanese” organizzata dal Comune di Fasano e che si terrà nel Palazzo dei congressi sulle colline di Selva di Fasano dal 9 al 24 agosto prossimi, visitabile dalle ore 18 alle 24 e, nei festivi, anche al mattino dalle ore 10.30 alle 13. In esposizione manufatti in vetro, legno, rame, stoffa, marmo, pietra e materiali da riciclo, oltre che quadri. L’inaugurazione della Mostra avverrà sabato 9 agosto alle ore 19.
«Si tratta di una campionaria che volge il suo sguardo al futuro, senza perder d’occhio tuttavia il fulgido passato – ha affermato il vicesindaco Gianleo Moncalvo – e di questa versione 2014, decisamente innovativa e, per questo, sicuramente con un potere attrattivo maggiore, va dato merito all’assessore alle Attività produttive Renzo De Leonardis che ha puntato con entusiasmo e caparbia determinazione tutto il suo impegno acché la Mostra fosse, come sarà quella di quest’anno, un vero e proprio evento per Fasano». Di esposizione innovativa che, comunque, non perde di vista la tradizione, ha parlato anche l’assessore De Leonardis, che ha spiegato come la versione 2014 dell’expo «sia l’evoluzione di un percorso già avviato due anni fa e che, nella sua ratio, vuole fare della Mostra il brand del settore e degli espositori, con questi ultimi che fanno da veri testimonial del nostro comparto dell’artigianato. Colgo l’occasione per ringraziare lo studio “VG. Architetti” che ha curato la direzione artistica della Mostra con piglio innovativo, interfacciandosi ottimamente con l’Amministrazione comunale e con gli artigiani-espositori; ed anche lo studio “Capozzi Performing Media” che ha curato la comunicazione ideando un layout vincente su tutto il materiale divulgativo».

È toccato proprio agli architetti Veronica Giannandrea e Gianni Trisciuzzi, dello studio “VG Architetti”, spiegare la logica sottesa all’allestimento della campionaria di quest’anno basata sulla qualità e l’eccellenza delle produzioni e sui «tre elementi che la contraddistingueranno: il filo, che richiama la nostra arte del cucito ma, soprattutto, il legame fra generazioni, con un artigianato che è la trasmissione dal sapere del padre a quello del figlio, che unisce, insomma, il passato al presente; il filo, peraltro, campeggia come elemento grafico su tutto il materiale riguardante la comunicazione; il secondo elemento è l’agorà, come centro nevralgico d’incontro funzionale al concetto di Mostra che abbiamo proposto quest’anno; il terzo elemento è la centralità della figura dell’artigiano-espositore che verrà espressa in varie forme, dall’allestimento della campionaria al suo stesso momento inaugurale».

 

Quest’anno la Mostra è stata “gemellata” con l’”Artigiano in Fiera” di Rho, la più grossa organizzazione fieristica di settore in Italia che raccoglie le migliori produzioni artigiane provenienti da 113 Paesi del mondo, e con “Exhibition Elite”, manifestazione di arte e artigianato di Roma. Un gemellaggio non casuale ma legato ai due concorsi, alla loro prima edizione, collegati alla “Mostra dell’Artigianato Fasanese”. Infatti, il primo, “Migliore Stand Espositivo”, attribuirà come premio al vincitore la partecipazione gratuita con proprio stand alla fiera di Rho (che si terrà dal 29 novembre all’8 dicembre prossimi); il secondo, “Idee a regola d’arte”, attribuirà come premio al vincitore la partecipazione con proprio stand alla campionaria di Roma (che si terrà il 17-18-19 ottobre prossimi). Già individuate le giurie che attribuiranno i due premi: per il concorso “Migliore Stand Espositivo” saranno gli stessi architetti Giannandrea e Trisciuzzi, oltre agli architetti Giovanni Musa e Mariangela Turchiarulo ed allo stesso assessore Renzo De Leonardis, mentre per il concorso “Idee a regola d’arte” saranno lo stilista Bruno Simeone, la graphic designer ed esperta in comunicazione Alessandra Corso, l’interior designer Leo Ancona, l’architetta Nicoletta Guarini e l’imprenditore Vito Matarrese.

 

Gli espositori.

Saranno 42 gli artigiani-espositori per 37 stand; alcuni artigiani, infatti, hanno pensato di mettersi assieme e di allestire un unico stand. Com’è il caso di Marco Ippolito (arredo e cemento decorativo), Cosimo Vinci (pavimenti) e Vito Bagorda (falegname) che proporranno arredamento da giardino; e come Angela Brucoli (arredo e moda) e Genni Ippolito “Glint” (arredo e moda) che proporranno complementi d’arredo e accessori moda; ed anche Domenica Renna (pittura) e Enza Giannoccaro (abiti da sposa) che proporranno quadri, gioielli e abiti da sposa; e, ancora, architetti De Palma e Pinto (design). Stand singoli, invece, saranno quelli dell’Università del tempo libero (con la presidente Palmina Cannone) che proporrà manufatti in filet, tombolo, chiacchierino, uncinetto, maglia, intreccio, ricamo, cucito; Rossella De Mola (restauratrice) che proporrà foto di lavori da lei prodotti di restauro e di pitture murali; Giuseppe Zizzi (birocciaio) che proporrà suoi birocci; Tommaso Muolo (canestraio) che proporrà cestini in legno di ulivo; Francesco Cavallo (liutaio) che proporrà i suoi violini; Vincenzo Giannoccaro (scultore) che proporrà sculture in legno; Tommaso Marraffa (lavorazioni di marmo e pietra) che proporrà souvenir e sculture in pietra; Valentina De Carolis (oggettistica art) che proporrà manufatti in ceramica e non solo; Maioliche Pugliese (maioliche) che proporrà maioliche decorate a mano; Vetreria Fasanese (vetreria) che proporrà vetreria artistica; Giuseppe Schena (orologiaio e scultore) che proporrà oggetti in legno di ulivo; Domenico Monaco (falegnameria art) che proporrà arredi; Maf (lavorazione legno) che proporrà manufatti in legno; Adelaide Forcella (vetraia artistica) che proporrà vetreria artistica; Maria Lacirignola (antiquaria) che proporrà mobili antichi; Arcangelo Schiavone (tappezziere) che proporrà tendaggi, divani e testiere; Alessandro Palmisano (lavorazione artistica del ferro) che proporrà creazioni in ferro e materiali di recupero; Malvoni (marmi e pietra) che proporrà caminetti e piatti doccia; Colore e Design (arredo) che proporrà tavolini e complementi d’arredo; Giuliana Trapani (oggettistica art) che proporrà manufatti in argento e pietre dure, gioielli preziosi e semipreziosi con materiali di riciclo; Francesco Cecere (oggettistica art) che proporrà manufatti artistici; Nunzia La Fata (oggettistica art) che proporrà bigiotteria e oggettistica varia; Luca Marchesini – Associazione “A ruota libera” (cicli) che proporrà cicli artigianali, piccoli soprammobili in rame, legno, stoffa; Lucrezia Sposa che proporrà abiti da sposa; Carmela Nucci (sartoria teatrale) che proporrà costumi d’epoca e teatrali; Sante Musa che proporrà lumi artistici; Giuseppe Vinci (lavorazione legno) che proporrà manufatti in legno; Marisa Bungaro (lavorazioni filet) che proporrà lavori a filet e peluche; Isa Pezzolla (lavorazioni filet) che proporrà lavori a filet; Mario Semeraro (marmi e pietra) che proporrà sculture in pietra; Olive Marmeria (marmi e pietra) che proporrà manufatti in pietra; Domenico Andriani (pittore) che proporrà quadri ad olio e ad acquerello; Giovanni Nistri (pittore) che proporrà suoi quadri a tecnica varia.

 

Gli incontri aperti al pubblico.

 

Nell’ambito della “Mostra dell’Artigianato Fasanese” si terranno sei incontri pubblici tutti alle ore 18.30, nel Palazzo dei congressi, e moderati dal giornalista Martino Grassi. Si partirà l’11 agosto con “Impara l’arte e mettila da parte”, laboratorio creativo per bambini a cura di “Salagadula” di Antonella Laguardia con la partecipazione della designer Valentina De Carolis e del maiolicaio Vito Pugliese; il 12 la presentazione della guida “Fasano. Passeggiate tra il mare e la collina” di Paola Liseno e Palmina Cannone (Stilo Editrice) che vedrà gli interventi, oltre che delle stesse autrici e dell’assessore Renzo De Leonardis, anche di Vito Lacirignola, direttore editoriale della Stilo Editrice; il 13 “L’arte della comunicazione empatica: come costruire un rapporto positivo con il proprio cliente” a cura di “Liberamente – formazione e benessere” con gli interventi di Antonio Antefermo (psicologo clinico) e Valentina Cisternino (psicoterapeuta e ipnoterapeuta); il 14 “Nuove frontiere de ‘L’Artigiano in fiera’” con l’intervento di Andrea Rivoltella (direttore della fiera di Rho); il 20 “Raccontando l’artigianato: usanze, aneddoti, racconti della tradizione artigiana fasanese” con Palmina Cannone, presidente dell’Università del tempo libero; il 22 “Finanza agevolata a supporto dell’artigianato: evoluzione tecnologica e informatica” con gli interventi di Giuseppe Ferulli (dell’azienda “Forel 2 srl”), Domenico Ferrara (dell’azienda “Sidea Group”), Alessandro Moscato (dell’azienda “Energy Servizi”).

 

“Save the Minareto”.

Per tutta la durata della “Mostra dell’Artigianato Fasanese” verrà allestito, sempre nel Palazzo dei congressi della Selva di Fasano e a cura del comitato “Save the Minareto”, un banchetto per la raccolta di firme a sostegno di Villa Damaso Bianchi (il “Minareto”, per l’appunto) nell’ambito della settima edizione de “I Luoghi del Cuore”, il censimento promosso dal Fai (Fondo Ambiente Italiano) in collaborazione con l’istituto bancario “Intesa Sanpaolo”, attraverso cui viene chiesto agli italiani di segnalare i luoghi che più hanno a cuore, per dare loro la possibilità di non venire dimenticati e abbandonati, oltre che di esserne eventualmente finanziati i lavori di ristrutturazione. Fino ad oggi a sostegno del “Minareto” sono state già raccolte 1.400 firme, mentre il comitato “Save the Minareto” ha scelto come testimonial, a sostegno della campagna di raccolta firme, l’attore Ettore Bassi.

 

COMUNICATO STAMPA AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI FASANO

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com