May 22, 2024

Brundisium.net

Parziali: 23-15, 42-33, 62-56, 82-82
Happy Casa Brindisi: Suggs 9, Tepic 17, Oleka, Smith 20, Mesicek 10, Cardillo, Sirakov n.e., Moore 13, Donzelli 1, Canavesi n.e., Petracca n.e., Lalanne 21. Coach: Vitucci
Openjobmetis Varese: Avramovic 6, Pelle 4, Bergamaschi, Natali 11, Okoye 29, Seck, Tambone, Cain 7, Ferrero 8, Wells 25, Hollis, Coach: Caja
Arbitri: Paternicò, Sardella, Belfiore

Un bel Brindisi, anche se a sprazzi, bagna con una vittoria la prima partita dell’anno ed è sempre più in pista per la salvezza.
Ma quanta sofferenza. Senza Marco Giuri, messo ko dall’influenza, Moore e compagni giocano un bella gara contro un Varese tutt’altro che eccezionale che ha il merito di non mollare mai fino alla fine. Brindisi, invece, ha il pieno demerito di non aver saputo dare continuità al proprio gioco e, soprattutto, a non aver saputo capitalizzare la doppia cifra di vantaggio a 1’29” dl termine.
Per fortuna, nell’overtime, l’Happy Casa ha ritrovato la tranquillità ed è riuscita a portare a casa due importantissimi punti.

Le ottime prestazioni personali di Tepic, Lalanne, Mesicek e Smith (sopratuttto nell’ultimo quarto) sono state impreziosite da una difesa efficace per buona parte della gara anche se tutto ha rischiato di essere vanificato da 90 secondi assolutamente scriteriati.
Anche se la strada da fare è ancora molto lunga, soprattutto in termini di continuità di gioco e tenuta mentale, con successo odierno Brindisi c’è e può guardare con rinnovato ottimismo al prosieguo del campionato.

Vitucci parte con Moore, Suggs, Tepic, Smith e Lalanne. Caja risponde con Wells, Avramovic, Okoye, Ferrero e Cain.

L’avvio è nettamente di marca brindisina. Dopo 2’30” la Happy Casa è già sull’11-0 grazie a tre triple (due di Lalanne, una di Suggs) ed un canestro di Moore. Caja è costretto a chiamare time-out.
Varese accorcia a -7 ma Tepic, con un gioco da tre punti, porta il parziale di metà periodo sul 14-4.
Brindisi difende bene ed attacca con raziocinio. A 3’48” è 19- 4.
Vitucci inserisce Mesicek e Cardillo ed anche Caja da fondo alla panchina. La gara diventa più equilibrata con Varese che recupera qualche lunghezza di distanza e chiude il primo quarto sul 23-15.

 

Il secondo periodo parte con un 9-0 per Brindisi, frutto soprattutto di una buona difesa. Per di più Hollis commette il terzo fallo con un antisportivo su Donzelli. A 7’44” per metà gara è 32-15.  I lombardi tentano di reagire con una maggiore pressione e recuperano grazie ad un break di 11-0 non interrotto dal time out dia Vitucci. Sul 34-28, a 3’27”, il tecnico brindisino è costretto a fermare nuovamente il match per chiarire le idee ai suoi. Al rientro dal time out è tutt’altra Brindisi: Tepic e Lalanne  spezzano il break con un 4-0 in 30”. Poi tanta difesa e la tripla di Tepic (41-28 a 1’40”).  Natali rimette in carreggiata i suoi e Varese chiude sul 42-33.

 

Al rientro in campo break e controbreak: Varese accorcia (42-37) ma Brindisi reagisce bene (48-37). Gli ospiti giocano bene e la Happy Casa entra in difficoltà (50-45 a metà periodo). Grazie ad ottime percentuali offensive i lombardi si portano a due soli punti di svantaggio (52-50) e Vitucci chiama time-out.
Suggs e Lalanne danno un po’ di respiro ma Wells, da tre, riporta Varese a ruota (58-53). Tepic da tre esalta il Palapentassuglia ma Okoye al termine di un’azione concitata riporta gli ospiti a -4 (60-56). Prima del termine del periodo va a canestro Mesicek. Si chiude sul 62-56.

 

Due liberi di Mesicek aprono il quarto periodo ma Natali – da tre – scrive 64-59. Il quinto fallo di Pelle su Smith regala a Brindisi tre liberi, due dei quali realizzati. Si vive di grandi emozioni. Ad 8′ è 66-62. In due minuti va a canestro solo Brindisi con i tiri liberi di Suggs e  Moore (70-62). Okoye accorcia ma Brindisi non molla. Smith si erge a protagonista con un tiro da tre ed un grande assist per Mesicek (75-64). Ed è ancora Smith, dopo il canestro di Ferrero, ad allungare a +12 (78-66 a 3′).

Okoye e Wells prendono per mano Varese (78-70) ma Moore e Tepic dispensano tranquillità. Smith, dalla lunetta, a 1’29”, realizza i canestro dell’80-70. Varese vende cara la pelle e ci crede fino alla fine. I lombardi recuperano punto su punto ed a 15” Moore commette un fallo antisportivo su Wells. Il n. 22 riduce a -2 (82-80) e Varese, con la palla in mano, riesce a pareggiare con un tap in di Ferrero ad 8 secondi dal termine.
Vitucci chiama time out ma Moore non riesce a realizzare. Si va al’overtime.

 
Si viaggia sul filo della tensione. Moore, Smith e Mesicek rispondono ad Okoye (88-85). Poi sbagliano tutti>: Tambone, Tepic e Lalanne da tre; Avramovic da due. Finchè Lalanne, ad 1′ dal termine, porta i suoi a +5 (90-85).
Time out di Varese
Ferrero da tre rimette i suoi in partita (90-88) ma Smith è eccezionale nel realizzare in sottomano e prendersi il fallo a 28” dal termine. Dalla lunetta va (93-88) ma Okoye – a 5” dal termine – mette dentro il canestro del 93-90. Fallo su Smith che mette dentro i due liberi. Finisce 95-90

 

 

 

 

 

 

 

No Comments