January 30, 2023

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

Parziali: 19-26, 35-37, 50-51
Brindisi: Aminu n.e., James 15, Todic 8, Bulleri 5, Morciano n.e., Formenti 3, Dyson 12, Lewis 5, Zerini 5, Snaer 14, Leggio n.e., Campbell 4. Coach: Bucchi
Siena Viggiano 9, Hunter n.e., Cournooh 15, Rochestie 9, Carter 3, Ress 9, Ortner 2, Nelson 14, Udom, Cappelletti n.e., Green 6. Coach: Crespi
Arbitri: Lanzarini, Borgioni, Terreni

Brindisi batte i campioni di Italia della Montepaschi Siena e chiude l’anno solare al primo posto nel massimo campionato di basket italiano.
La migliore annata di sempre del basket brindisino non poteva chiudersi nel modo migliore.
E’ stato un match sofferto ma altamente equilibrato. Dopo l’avvio monstre di Siena (10-0), Bulleri e compagni hanno trovato la forza di rialzarsi, giocare con tranquillità e costrutto e condurre in porto una gara di capitale importanza.
La vittoria è  stata conquistata soprattutto in difesa. E valga un dato su tutti: dopo il primo tempo in cui i senesi hanno realizzato ben 29 punti, Brindisi è stata abile a tarpere le bocche di fuoco avversarie concedendo loro appena 37 punti nei restanti 30 minuti. Un successo di squadra conquistato anche grazie al rush finale di un bravissimo Jerome Dyson il quale, dopo un avvio stentato, ha preso per mano la squadra e messo a segno i punti decisivi.
La vittoria di oggi vale anche per il primo obiettivo stagionale: la matematica certezza di disputare le final eight di Milano. E scusate se è poco.

I campioni d’Italia schierano Green, Cournooh, Nelson, Carter e Ortner. Bucchi risponde con Dyson, Lewis, Snaer, James e Zerini.
Siena parte fortissimo e grazie ad una difesa a zona pari, è in vantaggio per 10-0 dopo poco più di due minuti. Bucchi chiama time out e sull’azione successiva Snaer mette a segno i primi tre punti per i padroni di casa.
La gara diventa più equilibrata e, gradualmente, Brindisi rosicchia qualche punto (9-14 a metà quarto, con Crespi che ha già ordinato di tornare a difendere a uomo).
Cinque punti consecutivi dell’ex Viggiano riportano i senesi alla doppia cifra di vantaggio (9-19) e Bucchi chiama in campo Campbell per Lewis. Brindisi, con Campbell e Lewis si riporta a -5 (19-24). Prima della fine del quarto c’è spazio per Bulleri e Todic ma Siena chiude a + 7 (19-26)

In avvio di secondo quarto un fallo antisportivo comminato a Bulleri porta Siena a + 9 ma James riduce a lo svantaggio a 4 punti, grazie ad una tripla e a due liberi dopo il fallo di Viaggiano (24-28 a 8′ dal riposo lungo).
Il buon momento di Brindisi continua con il canestro di Todic (-2) ma due canestri dalla lunga distanza di Ress vanificano il recupero (28-34 a 4’dal riposo). Brindisi non molla e difende fortissimo (Siena realizza soltanto 11 punti nel secondo quarto) I centri di Campbell e Formenti regalano il -1 (33-34), poi, fino al rientro negli spogliatoi, le due squadre giocano alla pari per intensità ed abnegazione. A metà gara il punteggio è 35-37 con Formenti che spreca il canestro della parità a fil di sirena.

L’aggancio è soltanto rinviato al rientro in campo, ed arriva con un canestro dell’ottimo Snaer. Sulle ali dell’entusiasmo Brindisi conquista il primo vantaggio con una tripla di Lewis (40-37) ed allunga ancora con un’ altra bomba firkata Dyson (43-39 a 6’50”). La gara diventa bellissima con Brindisi e Siena che si danno battaglia con colpi di gran classe. A metà quarto i biancazzurri sono a +5 (47-42) ma Siena registra i meccanismi difensivi e Brindisi va in tilt. La squadra di Bucchi non va a canestro per oltre quattro minuti e gli ospiti – grazie ad un parziale di 9-0 – si riportano in vantaggio (47-51).  Il digiuno di Brindisi termina a pochi secondi dalla fine del terzo quarto, con una tripla di Bulleri che fissa il parziale sul 50-51

Nel quarto periodo Siena parte con un terribile 5-0 in meno di un minuto (Nelson e Cournooh).
Brindisi cerca di riequilibrare con i canestri di Bulleri e Todic (55-58) ma una tripla di Rochestie ricaccia indietro gli ospitanti(55-61) e Bucchi chiama timeout.
La gara diventa incandescente: non si va a censtro per quasi due minuti, poi in meno venti secondi Dyson (con un pregevole coast to coast) e James (schiacciata su assist di Dyson) portano il match sul 59-61.
Crespi ferma l’incontro per un time-out ma al rientro in campo Brindisi non si ferma e con il canestro di Dyson ritrova la parità (61-61 a 3’40”).
I canestri di Ress e di James precedono ll time-out richiesto dalla Montepaschi a 2’17” dal termine.
Il PalaPentassuglia diventa incandescente e l’urlo di gioia di 3500 persone accoglie il canestro da sotto di Snaer e soprattutto quello di Dyson a 56” dalla sirena finale  (67-63).
L’ultimo minuto è di quelli da raccontare passo dopo passo. Siena accorcia con due liberi di Rochestie a 49” ma Dyson ristabilisce i quattro punti di vantaggio con uno splendido sottomano a 28”. Crespi chiede il time-out della disperazione.
Dyson commette subito fallo su Ress che dalla lunetta fa 2/2 e Bucchi ferma il match per il timeout. Fallo di Rochestie su James che, dalla lunetta, fa 2/2(71-67 a 26”). Sull’attacco di Siena, Cournooh commette infrazione di passi e chiude virtualmente il match

No Comments

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com