December 2, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

In ordine a quanto accaduto in queste ultime ore, questo organo politico, ritiene indispensabile svegliare le coscienze umane, al di là dell’appartenenza politica, in beneficio della salute di tutti i cittadini.

 
La definitiva chiusura dell’ospedale Ninetto Melli di San Pietro Vernotico, sancisce la fine di quella serenità e tranquillità percepita in ogni cittadino, data dalla consapevolezza di immediata assistenza sanitaria che sarebbe seguita nel caso di ogni qualsivoglia condizione emergenziale di salute. La tutela della salute del cittadino, costituzionalmente sancita, deve essere assicurata dalla classe politica che, in funzione del compito di difesa del bene pubblico, a cui è preordinata, deve evitare ogni scelta errata in discapito della comunità.

 
La decisione intrapresa dal Sig. Sindaco, di firmare il protocollo d’intesa con Regione ed Asl, avvia il processo di la riconversione dell’ospedale, con conseguente cessione per gran parte a privati e, per la restante, destinato all’istituzione della REMS (residenza esecuzione misure di sicurezza): reparto che ospita soggetti psichiatrici autori di delitti, sottoposti alla misura detentiva all’interno di questi reparti.

 
Le aspettative dei cittadini, disattese, saranno oggetto di dibattiti e dovute rimostranze atte a chiedere ciò che davvero necessita alla popolazione: la piena efficienza dell’ospedale, in luogo di un posto dove “scaricare” soggetti autori di crimini, affetti da disturbi mentali, pericolosi per sé e per gli altri.

 

 

Franco Negro -Coordinatore Cittadino Fratelli d’Italia AN- San Pietro Vernotico.

No Comments