November 27, 2020

Brundisium.net
Print Friendly, PDF & Email

L’avvio della scuola è stato accompagnato da notevoli disagi per gli studenti e le studentesse. Assistiamo ogni giorno a scene inaccettabili con pullman sovraffollati e colmi, tanto da costringere gli studenti nella giornata di lunedì 19 ottobre, e nel prossimo 23 ottobre, a manifestare il loro disagio attraverso scioperi bianchi ed altre forme di protesta.

Tutto ciò nonostante la nostra Provincia, di concerto con STP Brindisi e istituti scolastici, si sia adoperata nei limiti delle disponibilità per rimodulare il servizio introducendo gli orari di entrata e uscita scaglionati fin dall’inizio dell’anno scolastico.

É inaccettabile che nonostante i mesi trascorsi Governo e Regione non abbiano attuato per tempo soluzioni concrete per aumentare la dotazione di mezzi (con risorse affidate al pubblico o accordi privati), consapevoli di una realtà ordinaria di sovraffollamento già problematica in tempi normali e divenuta ormai intollerabile in tempo di pandemia.

Auspico che il lavoro intrapreso dalla Regione Puglia negli ultimi giorni possa portare nell’immediato a superare queste criticità, dotando la Provincia e le società di trasporto delle risorse necessarie per incrementare il servizio.

Finché sarà garantita la didattica in presenza nessuno studente dovrà più essere costretto a rischiare la propria salute – e allo stesso tempo rappresentare un rischio per tutta la collettività – per dover andare a scuola: ne va del diritto allo studio degli studenti pendolari e del diritto alla salute di tutta la cittadinanza nel fronteggiare l’emergenza covid.

 

Giulio Gazzaneo

Capogruppo in Consiglio Comunale per “Ora tocca a noi”

No Comments