September 18, 2019

Print Friendly, PDF & Email

Questa è la settimana dell’anno in cui tutte le attività industriali si fermano e, nel contempo, le attività turistiche scoppiano per il lavoro e per la stanchezza degli operatori. La magia del mare fa sì che d’estate milioni di persone si riversino sulle spiagge per abbronzarsi e divertirsi. Con l’estate, al mare si possono fare molte attività edonistiche: dal semplice nuoto al surf, alla pesca subacquea ma anche ai giochi sulla spiaggia o alle semplici passeggiate sul bagnasciuga.

 

L’Italia è la nazione con bellezze e varietà di coste impressionanti. Essendo una penisola molto lunga (quasi 7.500 km di coste comprese quelle delle isole) le sue coste variano dalle lunghe spiagge sabbiose alle insenature mozzafiato, alle piane scogliere e ai rocciosi strapiombi. L’acqua delle nostre coste, in genere, è pulita eccetto nelle vicinanze delle grosse città di mare e là dove ci sono insediamenti industriali.

 

Divertirsi con le escursioni in barca o in pedalò è un’altra modalità interessante di fare attività fisica estiva ma quella da surfista è decisamente la più impegnativa e divertente dopo la classica nuotata assistita in alto mare. A parte queste attività impegnative per gli amanti sportivi del mare, le attività protagoniste estive sono i giochi dei bambini e dei ragazzi sulla sabbia e nell’acqua bassa. Inoltre, già il caricarsi di sedie ed ombrelloni, per accaparrarsi un posto sulla spiaggia, è per molti un’attività fisica importante. La voglia di abbronzarsi riesce a far alzare presto molti pigri usuali quando si tratta di andare a scuola o a lavoro.

 

Il bello del mare (rispettando l’esposizione al sole ottimale) è quello di usufruire dei benefici del sole, dell’acqua, del sale, dello iodio e della spensieratezza. I drogati del mare eliminerebbero le altre stagioni pur di godersi un’abbronzatura perenne. Mare ed abbronzatura, il più delle volte, sono sinonimi. Il movimento, in genere, è una cosa buona ma il principio della sobrietà si applica in tutti i campi della vita. Ovviamente, è importante conoscere i benefici ma anche i rischi di un eccesso di sole e di bagni in acqua salata.

 

Se un eccesso di sole può procurarci un colpo di calore e scottature fastidiose, stare molto tempo in acqua salata non è senza rischi in quanto potremmo disidratarci e rischiare di avere dei pericolosi crampi alle gambe. Pertanto, saggiamente, quando andiamo al mare, cerchiamo di alternare l’esposizione al sole con l’immersione in acqua ogni 30/60 minuti bevendo tanta acqua. Questo intervallo è alquanto sicuro e benefico. Comunque, non superate mai la vostra resistenza per far vedere agli amici di essere superiori; non fate spacconerie che potreste pagare care perché la vita non ha prezzo. Infatti, molti annegamenti tra i bagnanti avvengono per imprudenza o spavalderia.

 

Il piacere delle ferie estive dovrebbe comprendere delle passeggiate sul bagnasciuga al mattino all’alba e/o alla sera dal tramonto in poi, soprattutto al chiaro di luna. La magia del sorgere del sole assieme alla freschezza della brezza mattutina è un ottimo modo di iniziare una frizzante giornata di vacanza. Inoltre, dopo una giornata di frenetica confusione tra la gente sulla spiaggia e nel mare, finire la giornata con una bella, lunga e solitaria passeggiata sulla spiaggia al chiaro di luna è il modo più rigenerante di godersi il mare e le vacanze che stanno finendo.

 

Ricordo che lo scopo delle vacanze è quello di tornare a lavoro rigenerati e rilassati, non stanchi e stressati più di prima.

 

Rocco Palmisano

No Comments